Visura Crif – A cosa serve?

Visura Crif – Verifica dell’affidabilità di chi richiede un prestito

Visura CrifUn termine apparentemente complicato ma molto semplice da comprendere. Quando chiediamo di poter accedere ad un finanziamento, un prestito o altre forme di credito è ovvio pensare che l’intermediario finanziario chieda conto della nostra “affidabilità come pagatori”.

E’ importante, cioè, comprendere per chi anticipa i soldi per nostro conto se saremo in grado di restituirli e se, in passato, abbiamo dimostrato affidabilità in tale senso.
In soldoni viene verificato, dalla Centrale Rischi finanziari il cosiddetto “credit scoring”, ossia attraverso un metodo automatico e statistico si analizza il rischio creditizio di ciascun soggetto esaminato delineandone un indice di solvibilità, affidabilità e puntualità nei pagamenti.

Il dato che ne esce (una sorta di speciale punteggio) può essere sia positivo che negativo e da questo dipenderà l’esito della nostra richiesta di accesso al credito. Nella Visura Crif, in caso di risposta negativa, si afferma anche in cosa abbiamo peccato. Se non abbiamo restituito il credito, in quale misura, se abbiamo restituito in ritardo e con quanto ritardo.

Come richiederla?

Pochi lo sanno ma è possibile ottenere la visura della Crif online con una semplice richiesta presentata tramite il web. Nello specifico, bisogna collegarsi con il sito di Crif, scaricare il modulo, inviarlo per fax, email o posta raccomandata e attendere la risposta entro 15 giorni.

Il costo del servizio va da un minimo di 4 euro ad un massimo di 10 euro. L’importo da pagare e le modalità di pagamento sono indicate nella lettera di riscontro inviata dal CRIF. Il pagamento dovrà essere effettuato (presso i punti vendita SisalPay oppure tramite bollettino postale) al ricevimento della stessa e comunque non oltre 15 giorni.

Ma a cosa serve conoscere la propria posizione?

Se abbiamo ricevuto un esito negativo ad una nostra richiesta può servirci a capire perché. Ovviamente nei casi in cui sappiamo di aver ottemperato alla restituzione di un credito.

Va, inoltre, specificato che Crif è una società privata, che raccoglie le segnalazioni dei cosiddetti “cattivi pagatori”, ma anche informazioni a carattere neutre, come ad esempio la richiesta di un prestito, o positive, se siamo regolari nel pagamento delle rate di un mutuo. La Centrale Rischi, invece, è una struttura pubblica, gestita dalla Banca d’Italia che raccoglie solo i crediti in sofferenza e comunque quelli superiori a 30000 euro.

Banche e Finanziarie utilizzano quasi tutte Crif. Questa società conserva i dati per dei tempi definiti. Dopodiché procede alla cancellazione automatica, senza quindi bisogno di una richiesta dell’interessato. Ecco i tempi di permanenza di una segnalazione Crif:

  • Morosità di 2 rate/mesi, in seguito sanate: 12 mesi dalla regolarizzazione;
  • Morosità di 3 o più rate/mesi, in seguito sanate: 24 mesi dalla regolarizzazione;
  • Morosità non pagate: 36 mesi dalla data di scadenza contrattuale.

Non esiste un modo per cancellare la propria posizione all’interno di Crif prima di tale momento. A tal proposito il consiglio è di non affidarsi alle numerose società, presenti in Internet, che promettono servizi di “pulizia” dalle banche dati a fronte di un cospicuo compenso. Inoltre non si deve richiedere la cancellazione dei dati in Crif se questi sono positivi, perché altrimenti bisogna ricostruirsi da capo un’immagine positiva.

Quindi prima di muoversi in tal direzione ci si deve informare sulla tipologia di dati per i quali viene richiesta la cancellazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *